Pubblicità

pubblicità
it

Prima di morire Hawking ha lavorato a una teoria sulla fine del mondo

pubblicità
Homepage > Tendenze
Marzo 20 | Blog di daniele862 | Visualizzazioni: 143 | Commenti: 3

Poco prima di morire Stephen Hawking vide una linea d’argento in fondo al cielo, che notoriamente un fondo non ce l’ha. E vide che, infatti, in fondo al fondo del cielo c’era un altro cielo, e poi ancora un altro e un altro ancora. Uno, due, tre, infiniti cieli ed universi che si aprono uno dentro l’altro, come un fuoco d’artificio, pieni di stelle e di luci, e di pianeti e – chissà – altre forme di vita che un giorno qualcuno potrebbe essere tentato di andare a toccare.

 Toccare materialmente: con la mano, perché se l’uomo è creatura speculativa portata dalla ragione ad una conoscenza teorica, è innegabile che la sua originaria e fondamentale tecnica di apprendimento, fin dalla prima infanzia, è di natura sensoriale, manuale quanto orale. Ma forse quell’uomo non tornerebbe indietro, o forse sì, perché Hawking a riguardo aveva qualche dubbio.

Così, nelle ultime tre settimane di vita, concluse l’ultima fatica e consegnò – adesso possiamo dirlo – in eredità ai suoi simili uno studio dal titolo incoraggiante: La dolce uscita dall’Eterna Inflazione. Dove per inflazione non si intende quel fenomeno di progressiva inesorabile crescita dei prezzi che terrorizzò gli uomini della sua generazione, negli anni ’70, ma la lenta, inesorabile espansione dell’Universo in seguito a quella tremenda esplosione primigenia che fu il Big Bang.

Condividi su:
Marzo 20
interessante!
Marzo 20
Bello leggere contenuti scientifici divulgati anche a chi non è dell'ambito. Ciao
Marzo 20
ciao tina
devi accedere per fare commenti
pubblicità

Pubblicità

pubblicità